Blog

Mag 03

Change Management – come ricompensi le tue persone?

Le aziende sono tradizionalmente molto conservative – anche quelle che si considerano innovative, spesso fanno riferimento a piccole innovazioni incrementali di prodotto necessarie per essere ancora rilevanti sul mercato.
Le aziende oggi però devono fare un salto in avanti o rischiano di essere superate da altre organizzazioni più agili, che applicano con caparbietà il pensiero creativo in progetti di Change Management veramente ambiziosi.
Abbiamo visto intere Business Unit rischiare di chiudere perché il management si era trincerato dietro a processi standard dove tutto era sicuro, almeno fino a quando il mercato ha cambiato direzione e un’altra azienda più veloce e innovativa si è presa una buona fetta di mercato, mettendo in grossa difficoltà gli stessi manager che non accettavano che il mondo stava cambiando. 

Quando ci chiamano per processi di Change Management che coinvolgono lavori di innovazione di processo e soprattutto di prodotto, una delle domande che facciamo sempre è: “Perché non lo state facendo adesso? Cosa ve lo impedisce?” La prima risposta che viene alla persona è “le nostre persone non sono creative.” Questo non è quasi mai vero – semmai non hanno mai avuto l’opportunità di dimostrare di essere creative e di innovare in azienda. Scavando più a fondo, una delle ragioni principali per cui le aziende sono così conservative e a volte cadono dopo anni di agonia mentre il mercato stava dando chiari segnali di cambiamento è il sistema di premi aziendali. Per cosa vengono premiate le persone? Certo che se tu premi un responsabile di reparto in base al 5% in più di vendita di prodotti esistenti, lui sarà impegnato nel raggiungere quell’obiettivo che, in un oceano rosso di concorrenza, significa dedicare a tale risultato la maggior parte del tempo. 

Adesso diciamo che ci accorgiamo che il reparto in realtà deve proprio cambiare strategia e prodotti perché stanno avendo grossi problemi e quindi lanciamo un processo di innovazione. Chiediamo al responsabile di lanciare un progetto di team in cui esplorare nuove opportunità di mercato, sviluppare nuovi prodotti e servizi e testarli sul mercato. Abbiamo letto la strategia della Lead Start Up e ci è piaciuto l’approccio – proprio quello che ci serve per essere più competitivi sul mercato. Il problema è che questo richiede tempo e una delle basi della Lead Start Up o in generale delle sperimentazioni di nuovi prodotti è che la maggior parte dei tentativi fallirà. Questo significa che stiamo chiedendo al responsabile di imbarcarsi in un’avventura che gli ruberà tantissimo tempo, con una probabilità di insuccesso molto alta, che non solo rischia di portargli via il suo premio annuale, ma anche di marchiarlo come fallito in azienda. 

Quante possibilità ci sono che questa persona sia motivata a bloccare a qualsiasi costo questa iniziativa o a non dargli la giusta attenzione? È praticamente sicuro e lo vediamo nelle aziende tutti i giorni. 

Vuoi motivare il responsabile a lanciarsi in un processo di Change Management innovativo? Ricompensalo profumatamente quando lancia un prodotto di successo. 

E se fallisce? Ricompensa il tentativo suo e del team – con criterio ovviamente, altrimenti lanceranno mille progetti solo per aumentare il premio.
Premia gli insuccessi, come tentativi coraggiosi e intelligenti di migliorare. Premia le persone che innovano in azienda e non solo quelle che inseguono il 5%. Riconosci questi team che innovano, rendili conosciuti, fai sì che anche altre persone abbiano voglia di fare la stessa cosa.
Così hai generato la motivazione per innovare, sperimentare e crescere.
Sì perché l’innovazione è, prima di tutto, questione di motivazione.

Novaxia, schermata
Vai alla piattaforma drive

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *